In un contratto di fidejussione sono nulle le clausole frutto di intese illecite favorevoli alla banca, ma non l’intero contratto

La Corte di Cassazione I sezione civile, con sentenza n° 24044 del 26/09/2019, ha affermato che, in una fideiussione rilasciata in favore di una banca, sono nulle le clausole frutto di intese illecite favorevoli alla banca stessa. Il contratto rimane, invece, in essere se dette clausole non incidano sulla struttura e sulla causa del contratto stesso e non ne pregiudichino gli interessi in gioco.

Viene acclarato quindi che la tutela della posizione dei garanti è attiva in ragione della nullità parziale e del risarcimento del danno.